La tinteggiatura è una fase importantissima per quanto riguarda una ristrutturazione d’interni abitativi, o un allestimento con competenze in home staging.

Tinteggiare, al di là delle tecniche di pittura da utilizzare come l’effetto liscio, velato, spugnoso, a cenciatura, pennellato o patinato, con il rullo, tamponatura ecc….garantisce un nuovo aspetto alla casa, con la scelta di personalizzarla, oppure di renderla neutrale, adottando uno stile d’arredo neutrale, adatto per diverse tipologie di strutture extra ricettive.

Ma prima di tinteggiare e scegliere la tonalità giusta, è fondamentale assicurarci che le pareti non presentino problemi di muffa, spesso nascosta in alcuni angoli della casa, e pericolosa per la salute.

In un allestimento di un immobile, o in caso di ristrutturazione  non bisogna mai trascurare il problema muffe, perchè anche la più piccola macchia di muffa, sparge in casa le spore nocive per la salute, propagandole nell’aria, aria che  respiriamo!

A tal proposito voglio consigliarvi di approfondire l’argomento facendo riferimento a Giuseppe Tingali  e alla sua azienda Bastamuffa leader nel settore e specializzati nella risoluzione definitiva del problema muffa , grazie a un iniziale consulenza, a seguire l’invio del kit di analisi muffa, e il trattamento antimuffa (atossico, ideale anche per tinteggiare le camerette) più adatto, in relazione al caso analizzato.

Quindi, prima di tinteggiare pensando ad un intervento decorativo, è necessario tinteggiare per assicurarci che l’eventuale muffa sia eliminata definitivamente.

Come scegliere i colori e le vernici da interno più adatte per  un allestimento di home staging, o per una progettazione di un appartamento per una fase di ristrutturazione?

Esistono in commercio diversi prodotti di pittura murale da interno, e potete fare affidamento ad un negozio di vostra fiducia vicino alla vostra residenza, o acquistare online, calcolando la metratura da tinteggiare, per acquistare la quantità necessaria di pittura, quindi i barattoli occorrenti.

pittura murale colorata

Per quanto riguarda l’ home staging ci sono delle regole ben precise da seguire, che riguardano quali pareti tinteggiare?

Intanto partiamo dal presupposto che se una stanza da letto, ad esempio,  è di piccole dimensioni va lasciata possibilmente bianca, o comunque è bene tinteggiare esclusivamente la parete dove è collocato il letto e i/il comodini/o,  ma scegliendo una tonalità pastello dai toni freddi (trattandosi di una stanza da letto).

Una soluzione ideale per ingrandire una stanza piccola ottenendo un illusione ottica, è dipingere la parete più distante, di una tonalità più scura, rispetto le altre laterali, oppure decorare con strisce laterali.

Le regole dei colori: avete mai sentito parlare di colori freddi e colori caldi? Suppongo di si.

A secondo della stanza da tinteggiare ecco come si procede solitamente:

Per le camere da letto si opta per la scelta di una tonalità di colore freddo, tinteggiando la parete dove sono appoggiati il letto e i comodini, per la cucina si tinteggia la parete dove sono collocati i mobili della cucina, scegliendo toni caldi, e in sintonia con il soggiorno adattando sempre un colore caldo che favorisce la conversazione.

Complessivamente nel caso in cui un allestimento o un progetto di ristrutturazione va deciso completamente, i colori utilizzati devono essere scelti tenendo conto della tonalità dei rivestimenti della pavimentazione e a pareti (cucina e bagno) per cercare di mantenere lo stesso stile di design in tutto l’immobile, e per creare ambienti in armonia, in considerazione anche, dell’arredamento presente.

Anche l’ utilizzo del tessile casa, quali tentaggi, copriletti, tessile divano, cuscini, tessile bagno, nella scelta della tipologie e del colore va scelto, mantenendo sempre un filo logico, che unisca stile di design, a tutti gli altri componenti tra cui appunto le tinteggiature.

Per qualsiasi informazione: homestagerweb@gmail.com

tinteggiatura parete color tortora